Sabato 28 e domenica 29 settembre 2024 – Tra cielo e mare: una due giorni al Rifugio Carrara – Apuane settentrionali

140 

Il Parco Regionale delle Alpi Apuane, istituito nel 1985, ha un’estensione di ben 54.327 ettari su due province, Lucca e Massa Carrara e tre aree geografiche: Alta Versilia, Garfagnana e Lunigiana. Le Apuane vengono convenzionalmente suddivise in meridionali, dal Monte Prana al Valico di Fociomboli, centrali, dal Valico di Fociomboli al Passo della Focolaccia e settentrionali.

Per Apuane settentrionali generalmente si intendono le vette comprese tra il Passo della Focolaccia e l’Orto di Donna… ma non solo! Ci sono anche altre Apuane lassù nell’angolo più a nord ovest della catena, altrettanto belle dal punto di vista escursionistico e paesaggistico: il monte Sagro, il monte Borla e la Rocca di Tenerano. C’è poi qui, tra queste cime, un rifugio di montagna, ma con la vista sul mare, il Rifugio Carrara, da cui si vedono in lontananza il golfo di La Spezia, Portovenenere, l’isola di Palmaria ed il crinale otre cui si nascondono le Cinque Terre. Ed è proprio lassù e lì che io vi vorrei portare!

PROGRAMMA

Sabato 28 settembre 2024: anello del Monte Sagro, la montagna “sacra”

Il monte Sagro (1.749 m) si erge a lato della dorsale principale ed è collegato a questa dall’estesa sella che scende dal monte Grondilice in direzione ovest. Avamposto imponente proteso verso il mar Tirreno, dalla sua cima si domina gran parte della catena apuana. La vetta del Sagro è legata alle vicende dei Liguri-Apuani, antichissimi abitatori di queste montagne, i quali la consideravano proprietà del Dio supremo, il Dio delle alte vette, l’entità più alta alla quale gli antichi popoli si sottoponevano per la giurisdizione e ripartizione dei territori che le varie tribù usavano come pascoli e che erano spesso causa di feroci discordie.

Lunghezza: circa 9 km

Dislivello totale in salita: circa 800 m

Tempo di percorrenza: circa 5 ore

Impegno fisico: medio/elevato

Difficoltà tecnica: media/impegnativa

Domenica 29 settembre 2024: anello del Monte Borla e della Rocca di Tenerano

Dal monte Borla alla Torre di Monzone si distende un vasto pianoro mosso al centro dalla dorsale del monte Ballerino. Il territorio è ameno, con zone prative contornate da boschi, modulato in un continuo alternarsi di conche separate da modesti crinali. Campo Cecina, Caporinella, l’Alpe di Borla sono i nomi di alcune zone che caratterizzano questo altopiano carsico su cui si intrecciano numerosi sentieri, piacevoli da percorrere per l’ambiente che attraversano, per i notevoli scorsi paesaggistici sulle montagne di Vinca. L’itinerario proposto tocca due rilievi situati ai bordi dell’altopiano, il Monte Borla (1.466 m) e la Rocca di Tenerano (1.202 m).

Lunghezza: circa 11 km

Dislivello totale in salita: circa 800 m

Tempo di percorrenza: circa 5 ore

Impegno fisico: medio/elevato

Difficoltà tecnica: media/impegnativa

IMPORTANTE!

La guida si riserva la facoltà di modificare gli itinerari in base alle condizioni meteo

o per la sicurezza del gruppo.

La guida è in possesso di assicurazione R.C. obbligatoria per legge,

i partecipanti NON sono coperti da assicurazione personale infortuni.

DIREZIONE TECNICA A CURA DI: da definire.

Quota di partecipazione a persona: 140,00 euro NON soci C.A.I., 130,00 euro soci C.A.I. (da 8 a 15 persone).

Supplemento piccolo gruppo: 20,00 euro/p (da 3 a 7 persone).

Iscrizione on line OBBLIGATORIA entro il 7 settembre 2024.

PAGAMENTO ACCONTO  E SALDO

Non appena si formerà il gruppo minimo per effettuare il soggiorno la guida invierà una mail di conferma in cui indicherà gli estremi per il pagamento dell’acconto di 50,00 euro/p; il saldo una settimana prima della partenza.

 Cosa portare: la guida invierà un promemoria dettagliato di cosa portare una settimana prima della partenza.

 Ritrovo a Firenze: ore 7.00 davanti al Mercato Ortofrutticolo di Novoli, lato Viale Guidoni; l’orario ed il luogo di ritrovo al Rif. G. Santi, sarà comunicato dalla guida al momento della conferma del soggiorno via e-mail.

Per comunicazioni urgenti contattare Cristina al 339 6840775 dalle 9.00 alle 19.00.

La quota comprende: Il coordinamento e l’assistenza di una guida ambientale escursionista abilitata ai sensi della L.R. 86/2016, una mezza pensione in Rifugio C.A.I..

La quota non comprende: I pranzi al sacco, il viaggio per raggiungere il Rif. Carrara, punto di partenza a piedi della due giorni, eventuali extra della cena.

Categoria: